Arte Fiera 2023

di Alain Chivilò

©Alain Chivilò

 

Dal primo giorno dell’Arte Fiera Bologna 2023, qualche immagine istituzionale che apre la kermesse commerciale dedicata all’arte e alle sue gallerie. Un obiettivo principale focalizzato sempre nella vendita e nella presentazione a potenziali acquirenti e collezionisti. Un’importante carrellata di opere moderne e contemporanee all’interno di eventi culturali.

Aggiornamento finale alla chiusura di domenica 5 febbraio 2023:

– 50 mila visitatori in linea con i dati precovid.

– Sette i premi assegnati durante Arte Fiera 2023: la prima edizione del Premio Collezione Righi assegnato a Massimo Grimaldi, rappresentato da ZERO…, con l’opera Translucent Island; Premio ColophonArte a Elena Mazzi, rappresentata da Ex Elettrofonica; Premio Lexus – Gruppo Morini ad Andrea Respino della galleria Monitor; Premio Osvaldo Licini by Fainplast a Lorenza Boisi di Ribot Gallery; Premio Rotary a Ncontemporary; Premio Spada Partners a Silver Lomè di Flavio Favelli, rappresentato da Studio Sales; Premio The Collectors.chain di Art Defender a Maha Malluh con l’opera The Mouse, rappresentato dalla galleria MLZ Art Dep.

– Alle opere di Riccardo Baruzzi, Eva Marisaldi e Serena Vestrucci, entrate l’anno scorso a far parte delle collezioni del MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna grazie al TRUST per l’Arte Contemporanea, quest’anno si aggiungono due lavori di Micol Assaël (Roma, 1979), reality is not contemporary (Galleria ZERO…) e Lucia Marcucci (Firenze, 1933), Anarchism (Galleria Frittelli Arte Contemporanea). 

– Ogni singola Galleria ha avuto spunti commerciali che se non si sono tradotti in loco, potrebbero crearsi nei mesi a seguire.

– La soddisfazione dell’Arte Fiera Bologna è ampiamente chiara e ci saluta con un arrivederci nel 2024.

 

di Alain Chivilò

Comments are closed.