Danza in Villa Borghese

di Alain Chivilò

©Alain Chivilò

 

La Galleria Borghese di Roma, Mercoledì 13 settembre 2023, apre al pubblico alle 20.15 per un percorso che unisce balletto e scultura: “La danza omaggia Bernini”.

Un Museo, come per esempio il magnifico Borghese, con sculture all’interno del proprio percorso espositivo, arriva a proporre e a mettere in connessione l’arte dello scolpire sulla materia con la danza che ruota, intorno alle opere selezionate. Un evento, ma anche una prassi conosciuta e già programmata in diverse Istituzioni all’Estero come del resto in Italia.

In questo filo culturale, le opere di Gian Lorenzo Bernini selezionate sono tre: Il Ratto di Proserpina, Apollo e Dafne e David. Il percorso si snoda dalla sala degli Imperatori, dominata dalla celebre scultura del Ratto di Proserpina, a quelle del David e di Apollo e Dafne, per concludersi nel monumentale salone di Mariano Rossi.

Come da programma: due protagonisti della danza internazionale, Eleonora Abbagnato, già étoile dell’Opéra de Paris e direttrice del Corpo di ballo dell’Opera di Roma, e Sergio Bernal, già primo ballerino del Ballet Nacional de España. Con loro, i coreografi/danzatori Sasha Riva e Simone Repele, ognuno dei quali condurrà il pubblico lungo un percorso immersivo, un viaggio tra suggestioni coreutiche, artistiche, storiche e architettoniche che porta alla scoperta di opere, storie, miti e artisti, in un inedito dialogo tra antichità d’arte e modernità d’ispirazione, tra storia e contemporaneità. Oltre a loro, il programma comprende le esibizioni di Rosaria Di Maro, Alessio Rezza, étoile del Teatro dell’Opera di Roma, e altri ballerini del teatro capitolino e la possibilità di vedere la collezione permanente posta al piano terra, col fine di ampliare la possibilità di ammirare i gruppi scultorei di Gian Lorenzo Bernini. Dal balletto Le Parc (cor. Angelin Preljocaj), Eleonora Abbagnato interpreta il passo a cinque detto “dei Giardinieri” e il passo a due, detto “del bacio”, mentre Sergio Bernal ci propone una danza di grande intensità dal lavoro da lui stesso creato in onore di un altro celebre scultore: Rodin. Nuova creazione di Sasha Riva e Simone Repele nel mito di Pigmalione, assolo creato da Adriano Bolognino giovane coreografo tra i più apprezzati sull’attuale scena contemporanea, per la danzatrice Rosaria Di Maro che, completamente ricoperta di creta, diventa Galatea che si anima grazie al soffio dello scultore.

La partecipazione a “La danza omaggia Bernini” è gratuita salvo l’acquisto del biglietto di ingresso al museo, che è obbligatorio. Disponibilità fino ad esaurimento posti.

 

di Alain Chivilò

Comments are closed.