Tattoo la nuova di Jean Paul Gaultier

di Alain Chivilò

 

Il Tatuaggio ha una storia millenaria. I suoi significati sono diversi, Per qualcuno rappresenta storie o pensieri da porre nel corpo lungo una vita, per altri un determinato periodo che può essere anche modificato cambiando il significato indelebile che sottende. Per taluni è estetica da evidenziare in abbinamento alla scultoreità del fisico, per talune serve a mascherare o porre l’attenzione su un altro dettaglio del corpo. Ad alcuni lascia indifferenti, ad altri evidenzia qualcosa da verificare. Ha significati storici dall’ostentazione di forza verso le sopraffazioni tra i reclusi, di lealtà associativa nelle società segrete e marinai e comunanza religiosa e d’intenti tra chi partecipa ai pellegrinaggi. Può essere anche l’identità tribale e per un popolo.

Nel mondo della moda la forza di una Maison è quello di attingere a un patrimonio creato nel tempo che, a distanza di anni può essere ripreso, rivissuto, riproposto e fonte di ulteriore nuove creazioni.

La citazione di questi due elementi all’apparenza diversi non è banale, ma si permea e si fonde all’interno della nuova collezione, pronta da indossare, denominata Tattoo della Casa di Moda Jean Paul Gaultier.

Uscita il 6 Ottobre 2023, gli abiti proposti sono rivitalizzati partendo dalla tradizione del marchio che, nei decenni, è stato d’avanguardia superando il momento che la società viveva. Proprio per questo ornamenti per il corpo, espedienti iconici, piercing, reggiseni iconici, corsetti e pezzi attillati, gli stessi tatuaggi diventano elementi per riedizioni attualizzate.

Come indicato dal Direttore Creativo di Jean Paul Gaultier Florence Tétier: “Gli archivi della Maison sono estremamente moderni. Giocando con gli indumenti attillati che sono presenti attraverso tutte le collezioni emblematiche, mi ha aiutato a celebrare la donna Gaultier, che ama fare festa ma sempre rimane professionale, analogamente ai ballerini di cabaret. In questa stagione, volevo anche giocare con scene iconiche dell’universo di Gaultier. La campagna pubblicitaria riprende queste attraverso Mia Kidis e Omahyra Mota, cui sono stato grande fan fin dalla mia adolescenza”.

La promozione della collezione è stata ideata dalla fotografa e regista Sharna Osborne. In questa tra modelle, Omahyra Mota (musa Gaultier degli anni Duemila) e la sua compagna di crimine Mia Kidis vagano nei percorsi creativi, reali e fantastici, del fondatore Gaultier. Due donne nottambule che vagano dalle porte di Parigi, Saint-Martin, approdano a una famigerata sessione di braccio di ferro. 

All’interno della collezione Tattoo gli abiti sono interattivi e permettono di essere accorciati, adattati oppure riassettare i pezzi in maglia e in denim a piacimento in accordo alla fornendo un tocco personale e originale. Per esempio, slacciando qualche bottone si può trasformare un pullover lavorato a maglia in guanti con maniche, in una giacca bolero e un top bustino. Inoltre, i polsini dei jeans in cotone grezzo possono essere completamente slacciati o risvoltati, come per i polsini a coste del bomber in nylon, su cui è incisa la scritta Blackletter o gotica, una caratteristica distintiva nella tradizione Jean Paul Gaultier.

E’ riproposto per la prima volta l’abbinamento pantalone-gonna che il fondatore aveva modellato nei tradizionali grembiuli lunghi dei camerieri parigini.

Da Tattoo prende vita anche una nuova collaborazione con la Maison Jimmy Choo che avrà nuovi sviluppi dal 18 ottobre 2023 giorno della presentazione.

A livello tecnico, la collezione Tattoo presenta intrecci, semplici ma anche complessi, con gli archivi attinti della stessa Casa di Moda Jean Paul Gaultier. Entrando nel dettaglio, grazie al supporto comunicato, si può notare come i pezzi in denim e trompe-l’oeil, rappresentanti un motivo petit-grand mai visti prima negli stessi archivi, ispirandosi alla collezione di abbigliamento maschile Autunno-Inverno datata 1998, Like A Prayer.

Infondendo all’abbigliamento formale uno spirito ribelle, i pezzi sartoriali includono giocosamente trafori ispirati alla lingerie dettagli, ottenendo uno stile “inside-out”. Vestibilità aderenti diventano flessibili partendo dai costumi utilizzati dagli artisti sul palco, nominando proprio la cantante Madonna, musa e riferimento per Jean Paul. Da qui la citazione è datata 1990 con il rosa cipria dell’iconico corsetto conico in raso creato da JPG per il Blond Ambition Tour, che oggi  viene reinventato nei colori nero e fucsia neon, utilizzando lo stampo originale come punto di partenza, come body, un vestito e un corsetto-bustier.

Continuando nel viaggio che lega la nuova collezione Tattoo e gli archivi: dalla collezione Primavera-Estate del 1994 intitolata Les tatouages, il motivo Safe Sex Forever utilizza uno stile di tatuaggio da marinaio per trasmettere un motto secondo cui vivere. Floccato in velluto nero su top in tulle elasticizzato, il motivo appare insieme ad altri modelli di tatuaggio, presi dalla collezione Autunno-Inverno del 1995 Pin-up Boys, ottenendo un contrasto eccezionale. Lo stesso motivo è serigrafato in glitter sui top e sulle felpe che portano in mente lo streetwear degli anni Novanta. Partendo dal concetto che tutti i corpi sono opere d’arte, Safe Sex Forever si fonde su top, gonne e vestiti abbinato ai modelli “morphing” della collezione Primavera-Estate Cyberbaba del 1996 e dell’Autunno-Inverno del 2004 Collezioni Les Marionnettes.

Presente anche la testa di toro posta sulle spalle di alcuni capi, che partono dal segno zodiacale di Jean Paul Gaultier sulla sua spalla sinistra dal 1993. Con Safe Sex Forever, Jean Paul Gaultier ha utilizzato lo slogan LGBTQ+ di un’intera epoca per creare un pezzo di tendenza.

Unire elementi passati non è facile e il Direttore Creativo Florence Tétier parte da un look all-in-one, tutto in uno. Dagli anni Novanta, 1994, i tatuaggi reali ricalcati per sviluppare motivi tipo tatuaggio sono riproposti oggi. Da qui si passa alla fine della prima decade anni Duemila: originariamente disegnata per la collezione Primavera-Estate 2009, intitolata Les danseuses, l’emblematica marinière-tattoo mai ristampata dopo il ritiro ufficiale del fondatore ritorna. Uniformi a righe e tatuaggi tradizionali giapponesi.

Il tatuaggio marinière, disponibile in due tonalità di pelle, abbina due figure notoriamente non conformi in un unico disegno: il marinaio e la yakuza. Sempre dal 2009 si rivede un sole simile a un tatuaggio, usato nelle creazioni in morbida pelle. Posizionati sul corpo come il trompe-l’oeil, il tatuaggio-mariniera e il tatuaggio-sole motivi decorano crop-top incrociati e pezzi di tulle stretch che ricordano outfit da danza.

Da come si può capire, la collezione 2023 Tattoo parte dal passato, unendo molteplici fonti e realizzazioni, lanciandosi nell’attuale contemporaneità e quotidianità. Vestire Tattoo della Maison JPG vuol dire condividere una tradizione d’avanguardia della moda all’interno di abbinamenti forti, eccentrici, provocatori ma anche eleganti.

La collezione Tattoo della casa di Moda Jean Paul Gaultier esce il 6 ottobre 2023. E’ disponibile sul sito internet JPG / E-SHOP e rivenditori esclusivi.

 

©AC, NDSL, AM, Alain Chivilo

Comments are closed.