WTA 250 Jiangxi Monastir Transilvania

di Alain Chivilò

 

WTA 250. Tre nuove vincitrici tra ritorni e novità.

Jasmin Open Monastir, WTA 250, Tunisia

La finale è stata rapida in 1.11 H. Il torneo è stato invece molto interessante con giocatrici che si sono giocate le proprie carte per la vittoria fino alla fine.

Elise Mertens, testa di serie n. 2, ritorna alla vittoria in due set 6/3, 6/0 contro Jasmine Paolini, testa di serie n. 1, in una finale molto intensa solo nel primo set. 

Opportunità iniziali per entrambe, palle break vinte 3/5 Mertens 1/5 Paolini, percentuali prima di servizio 69% Mertens 78% Paolini, punti vinti al servizio 67% Mertens 48% Paolini. Secondo set con punteggio netto ma tra Elise e Jasmin la lotta è continuata. 

La nota interessante di questo torneo è il rendimento delle giocatrici Italiane. Sebbene il livello non fosse assoluto, bisogna comunque giocare e vincere per avanzare nel tabellone. Tre ai quarti di finali: oltre a Paolini, da segnalare Lucia Bronzetti e Lucrezia Stefanini. Vittoria nel doppio, invece, per Paolini / Errani, con il tricolore vincente in coppia dopo moltissimo tempo.

In 1.33 H, il doppio ha visto la vittoria di Sara Errani – Jasmine Paolini, sotto di un set, al set decisivo, 2/6, 7/6 (4), 10/6 vs Natalija Stevanovic – Mai Hontama in una avvincente finale dall’alto agonismo.

Jasmine paolini è la tennista dall’altro rendimento per l’Italia, dimostrando una buona tenuta lungo la stagione. Negli ultimi tornei tra Asia e Africa ha dato filo da torcere a molte colleghe. Martina Trevisan dopo alcune prestazioni interessanti si è un pochino persa, mentre Lucia Bronzetti e Lucrezia Stefanini hanno ancora del potenziale da tirare fuori. A concludere, l’inossidabile Sara Errani che, con il doppio Italico, si porta a casa un ulteriore torneo e una soddisfazione unica a livello professionale.

Jiangxi Open, Nanchang, WTA 250 Cina

Il tour dell’Asia tra Cina, Corea e Giappone si è concluso dopo alcuni anni, presentandosi nuovamente e candidandosi alle WTA Finals per le prossime stagioni.

A Nanchang le giocatrici del momento si sono riconfermate lungo il torneo per un tennis vivace e dal rendimento interessante.

La regina della Repubblica Ceca e di Jiangxi (anche se fuori dalle prime otto nel singolo) è Katerina Siniakova che dopo aver ottenuto rivincita in semifinale, dopo la finale persa la settimana scorsa, contro Fernandez, torna alla vittoria battendo la compatriota Marie Bouzkova.

3.33 H di gioco, al set decisivo, per una finale intensa soprattutto dopo il primo set. Nel set di apertura due palle break di Bouzkova e una Siniakova disunita hanno fatto la differenza. Nel secondo e terzo cambia tutto: una finale combattuta, punto a punto, con break e contro break per arrivare, nell’equilibrio, a due rispettivi tie break. Katerina meno timorosa nel gioco e più in attacco stacca Marie a 5 e a 4.

Katerina Siniakova dopo una finale persa, che forse poteva vincere senza troppi soliloqui in campo verso se stessa e il suo allenatore, dimostra uno stato di forma tennistico valido e interessante, ritrovando freschezza e vivacità. Vincendo mette fondamenta per il prossimo anno. Marie Bouzkova dopo due tornei vinti al doppio, con giocatrici diverse, è stata molto vicina ad alzare il trofeo, ma è stata un pochino timorosa dove l’istante contava. 

Nel doppio, seconda vittoria in Asia per il duo Zvonareva – Siegemund 6/4, 6/2 in 1.38 H vs Ninomiya – Hozumi. 

Transylvania Open, Cluj-napoca, WTA 250 Romania

Un altro gradito ritorno, soprattutto per la Nazione ospitante, è stata la finale raggiunta da Elena-Gabriela Ruse che indicai in occasione di una sua vittoria nella terra rossa, con i dovuti se e ma, la nuova Simona Halep. Da quella partita però l’intensità di gioco in Ruse è stata alternante con più sconfitte che vittorie.

Nella terra di Dracula, a vincere però è stata la tennista Tamara Korpatsch che alla sua prima in 1.52 H batte 6/3, 6/4 la tennista di casa. Due set molto equilibrati con la Tedesca più fredda a capitalizzare un break in più vinto.

Nel doppio, Teichmann – Burrage 6/1, 6/4 vs Strakhova – Jeanjean in 1.07 H, in una finale gestita al meglio.

La stagione delle Donne, WTA 2023 è praticamente finita.

Mancano 6 tornei WTA 125 da questa settimana fino a Dicembre, l’attuale WTA Elite Trophy e le WTA Finals a Cancun con le prime otto della stagione: Aryna Sabalenka, Iga Świątek, Coco Gauff, Elena Rybakina, Jessica Pegula, Ons Jabeur, Markéta Vondroušová e Karolína Muchová (Maria Sakkari). Senza dimenticare le finali della Billie Jean King Cup 2023.

Le donne, assolutamente impossibili, del Tennis salutano, con un arrivederci in Oceania tra fine Dicembre 2023 e Gennaio 2024.

 

©AC, NDSL, AM, Alain Chivilo

Comments are closed.